Cerca
  • Team

Quando NEI RAPPORTI DI CREDITO IN CONTO CORRENTE si può procedere all’applicazione del saldo zero.

Aggiornato il: mar 29

Tribunale di Bari - Sent. 845 del 22 febbraio 2019, est. Magalett


Nell’ambito dell’accertamento e/o contestazione del saldo negativo alla Banca, da parte del correntista, per tramite del Consulente Tecnico di Parte, è di norma richiesto alla Banca stessa, l’esibizione degli estratti di conto corrente mancanti.


La non risposta alla richiesta degli estratti di conto corrente mancanti, deve essere valutata ai sensi dell’art. 116 cpc ed è idonea a giustificare la sollevata contestazione del correntista ai sensi dell’art. 2697 del c.c., “onere probatorio” e di conseguenza a giustificare l’azzeramento del saldo più risalente documentato in atti.


Si legge infatti nella sentenza:

“(…)il consulente tecnico, in primo luogo è partito dal saldo zero in quanto non stati allegati tutti gli estratti conto relativi al suddetto conto corrente e non avendo la banca ottemperato senza giustificato motivo all’ordine di esibizione di quelli mancanti, comportamento valutato ai sensi dell’art. 116 c.p.c idoneo a sollevare l’attrice dall’onere che sulla stessa incombeva ai sensi dell’art. 2697 c.c.”

Questo in sintesi quanto definito dalla sentenza del Tribunale di Bari ma per ulteriori approfondimenti si rimanda alla lettura della stessa, al link:


https://www.asfinanza.com/wp-content/uploads/2020/03/tribunale-di-Bari-sentenza-n-845-del-22-febbraio-2019-Est.-Nicola-Magaletti-1.pdf




A cura di Suero&Partners.

Riproduzione riservata ©

0 visualizzazioni

3881841916

COPYRIGHT  SUERO&PARTNERS-2020  P.I.01653330538